Hai bisogno di aiuto?
800 195 381
Google+
LinkedIn
YouTube
Instagram

Testimonianza Clienti

Abbiamo incontrato molti pazienti durante il nostro percorso professionale e pensiamo che la testimonianza clienti sia importante.

Testimonianza Clienti: il motivo

Conosciamo il desiderio, condiviso da molti, probabilmente anche da te, di ricevere informazioni, notizie reali.

Per questo abbiamo chiesto ad alcuni clienti di raccontare la propria storia spontaneamente, il risultato è stato raccolto in alcune video interviste come testimonianza clienti. Ringraziamo tutti coloro che gentilmente si sono prestati per raccontare la propria esperienza, come se potessero avere l’occasione di parlare direttamente con voi, senza filtri e con onestà.
sconto-chirurgia-estetica-mobile-magia Testimonianza Clienti

Chiedi anche tu un consulto gratuito: 800 195 381 oppure info@laclinic.it

 

Leggi anche le Testimonianze Clienti scritte.

MASTOPLASTICA ADDITIVA - CARMEN

MASTOPLASTICA ADDITIVA – TESTIMONIANZA DI CARMEN

Ho sempre profondamente creduto nell’indissolubilità del rapporto mente-corpo, di quanto il ben-essere nel proprio corpo si rifletta nel ben-essere psichico, e viceversa.

In questo senso, dedicare cure e attenzioni al proprio aspetto esteriore, per me, vuol dire dedicare cure e attenzioni al proprio sé: palestra, spa, make up, massaggi, non sono mai tempo sprecato, ma coccole per ritrovare se stessi in una vita non sempre facile, fatta di lavoro, ritmi veloci e a volte stressanti.

Stanca di imbottiture e push-up, da anni ormai pensavo di ricorrere alla chirurgia plastica. Purtroppo, a volte il percorso che porta al raggiungimento di un agognato obiettivo può essere lungo e ostacolato da alcune difficoltà che, fortunatamente, sono riuscita a superare.

Ben chiaro era il risultato estetico che volevo raggiungere

un bel seno voluminoso, prorompente, da pin-up, tondo e sodo, corrispondente non a mode o a immagini mediatiche, ma semplicemente al mio gusto.

Sinceramente, non mi sono mai posta il problema della naturalezza del risultato o della possibile evidenza del passaggio del bisturi sul il mio corpo: l’intervento di mastoplastica additiva prevede l’inserimento di protesi che, in quanto tali, sono un artefatto ma, secondo me, è proprio quell’artefatto a fare la differenza, a rendere un seno, a mio parere, a volte più bello e sexy di uno naturale. In questo senso, pensando alla dicotomia finto-naturale, mi viene in mente una frase citata in un celebre film di Pedro Almodovar, e cioè che si è tanto più autentici quanto più assomigliamo all’immagine che sogniamo per noi stessi.Ed il mio percorso verso la mastoplastica additiva è partito da questa mia idea di “autenticità” e dalla consapevolezza del seno che volevo.

Ho iniziato a fare ricerche

per avere il maggior numero di informazioni possibili. Ricorrendo non solo a conoscenti che operano nel settore e ad amiche già operate, ma anche al web, cercando sempre di attenermi a siti di chirurgia plastica ed estetica.

La rete è pur sempre un’arma a doppio taglio

che può essere a volte fuorviante; nel mio caso, mi è stata utile per reperire informazioni, foto, testimonianze, e darmi maggiore consapevolezza del risultato che volevo raggiungere, ma è necessario essere molto selettivi, senza mai dimenticare che quando si parla di chirurgia plastica, in ogni caso, l’unica fonte attendibile e certa è una sola: il chirurgo plastico.

Quindi, secondo step:

scelta del medico a cui affidarmi. Anche se è un intervento di chirurgia estetica, è pur sempre un intervento chirurgico: è fondamentale pertanto rivolgersi ad un chirurgo plastico specializzato con comprovata esperienza. Anteponendo sicurezza e professionalità al primo posto, un consiglio: non fermarsi al primo medico, se non vi sentite pienamente soddisfatte.

Nel rapporto medico-paziente

sono l’empatia, la fiducia ed il feeling che, insieme alla serietà, concorrono a rendere veramente sereno e appagante il percorso verso la realizzazione di un sogno. Se non sentite di aver trovato tutto questo in un chirurgo, meglio fare altri consulti con un altro. È stato il mio caso: pronta ad operarmi, ma delusa da false aspettative e dal fatto di dovermi attenere esclusivamente a canoni estetici del medico e non miei, senza un minimo di personalizzazione dell’intervento.

Delusa, ma non scoraggiata: era il mio corpo, e volevo sentire realizzata la mia idea di seno, salvaguardando pur sempre la mia salute ed evitando il rischio di possibili complicanze.

Ho continuato la mia ricerca

certa di poter trovare quel mix di sicurezza, serietà, empatia e fiducia. E così sono arrivata a LaCLINIC Napoli.

Ho pensato che affidarmi ad un’organizzazione di specialisti in medicina e chirurgia plastica, presente con ottime referenze sul territorio nazionale, potesse garantirmi quegli standard di qualità e sicurezza per me irrinunciabili. Inoltre, ho apprezzato la scelta aziendale di rendere pubblico sul sito web non solo informazioni dettagliate sui diversi tipi di interventi (correlati da foto) e costi, ma anche i curricula vitae di tutti i medici che operano nelle diverse strutture.

Altra cosa fondamentale: la prima visita è gratuita

e, se non si è soddisfatti del primo incontro, si può prenotare un’ulteriore visita con un altro professionista.

Nel mio caso, non ho assolutamente avuto dubbi:

la mia prima visita è stata anche la mia scelta definitiva! Ho avuto la fortuna di incontrare il Dott. Grella, un professionista capace di coniugare serietà e competenza con una estrema chiarezza e semplicità nel descrivere anche i dettagli più propriamente tecnici dell’intervento, illustrandomi e rendendomi consapevole anche di tutte le possibili complicanze legate al post operatorio. Tutto con estrema semplicità, discrezione e dolcezza.

Dopo una lunga visita

molto accurata e dettagliata, sono rimasta colpita non solo dal suo modo di intervenire, che coincideva con le mie aspettative (protesi, posizionamento, incisione…), ma dalla capacità di capire appieno quello che io desideravo da questo intervento, mostrando estrema pazienza anche di fronte alle mie esplicite richieste di un seno voluminoso. Con lui mi sono sentita da subito a mio agio, ha conquistato la mia completa fiducia ed capito che potevo ottenere quello che volevo, anteponendo sempre il rispetto per la mia salute, per la mia costituzione fisica e per forme che, in ogni caso, mi garantissero un risultato estetico piacevole e mai esagerato.

La cosa che ha reso ancora più piacevole questa esperienza

è che ho avuto modo di riscontrare questo senso di comprensione, accoglienza, empatia e sincero interesse non solo nel rapporto con il medico, ma anche con il personale che lavora a LaCLINIC Napoli. Infatti, oltre a medici qualificati, ho scoperto che fondamentali sono le donne che lavorano per la struttura, l’Advisor Filomena Vellotto e l’Office Manager Rachele Vetrano, donne preparate e capaci che, mostrando una estrema disponibilità nel rispondere ad ogni possibile problematica, rappresentano una guida ed un supporto costante per tutto il percorso. Fin da subito, hanno dimostrato un interesse sincero nei miei riguardi

Mi hanno fatto sentire capita

e mai giudicata e, credetemi: quando si fa un intervento di chirurgia plastica a volte anche le persone più care possono non comprendere le nostre scelte e giudicare il nostro operato. Mi sono state vicino sempre, anche il giorno del mio intervento, aspettandomi alla reception della clinica, accompagnandomi in camera (tra l’altro, bellissima, mi sembrava di stare in un hotel!)…

Mi sono sentita così tranquilla, protetta, serena, rilassata, sicura

di quello che facevo e delle persone a cui mi affidavo che, prima di operarmi, mi sono persino lasciata andare ad un bel sonnellino! Poi l’ultima visita pre-operatoria con il Dott. Grella per prendere le misure, il suo modo simpatico per stemperare la tensione, il suo sorriso rassicurante mentre mi trasportavano in sala operatoria. Poi un dolce sonno…e un dolce risveglio, con i mei familiari, Filomena e Rachele, che mi aspettavano in camera. Non ho avuto problemi e complicazioni dopo l’operazione e, in particolare, non ho sentito neanche particolari dolori. Ero solo magicamente felice di vedermi, seppur ancora fasciata, finalmente con un bel seno!

Anche il post-operatorio è stato come mi aveva prospettato il medico:

dolori, che nel mio caso sono stati fastidi, più acuti per il primo giorno (controllabili con un semplice antidolorifico) poi, giorno dopo giorno, tutto in discesa, riconquistando gradualmente autonomia e vita sociale. Ulteriore sicurezza: visite di controllo costanti con il medico e totale disponibilità (nel vero senso del termine!) dello staff per ogni piccolo dubbio o problema.

Oggi sono passati 15 giorni

dalla mia mastoplastica additiva e posso solo dire di aver sentito mio, fin da subito, questo nuovo seno. Mi piace tantissimo e vedo finalmente concretizzata quella parte di me da sempre desiderata.

La sintesi del mio percorso è che non si deve mai avere paura di realizzare i propri sogni, di mostrarsi per quello che si è e di lottare per esserlo appieno e, se questo senso di soddisfazione deve passare per la via della chirurgia estetica, ben venga, ma partendo sempre dalla riflessione, motivazione e consapevolezza che lo facciamo solo per noi e per rispecchiare quella “immagine che noi sogniamo per noi stessi”. L’unica cosa di cui mi pento? Non averlo fatto prima!

 

MASTOPLASTICA CON MASTOPESSI - MARIAROSARIA

MASTOPLASTICA ADDITIVA CON MASTOPESSI – TESTIMONIANZA DI MARIAROSARIA

Ciao ho 27 anni e vengo da Pozzuoli. Ho conosciuto LaCLINIC navigando su internet ed in più una mia amica del liceo si è operata tramite loro lo scorso anno con dei risultati parecchio soddisfacenti.
La mia esigenza di operarmi non è nata semplicemente dal desiderio di un seno più abbondante, bensì dalla consapevolezza di aver perso tonicità e volume a seguito di svariate diete.

Il primo consulto presso LaCLINIC è gratuito e senza impegno

per cui non ho esitato a contattare per una visita.
Ho scelto come sede per la mia prima visita di chirurgia estetica a Napoli LaCLINIC.
Appena arrivata ho avuto una bellissima sensazione.
Ad accogliermi c’era colei che sarebbe diventata la mia advisor, una persona fantastica estremamente gentile e professionale.
Il chirurgo con cui avrei dovuto fare il consulto presso LaCLINIC Napoli era il dott Gherardini, medico chirurgo plastico molto preparato e disponibile.
Dopo varie valutazioni, i

ll chirurgo mi ha consigliato di fare una mastoplastica abbinata ad una mastopessi per un risultato migliore.

Sinceramente non ho avuto molti altri colloqui con altri medici dopo perché, oltre al fatto che sapevo che i medici dello Staff de LaCLINIC di Napoli erano validissimi, ho avuto, da subito, la certezza che qualora mi fossi operata l’avrei fatto con loro.
Abbiamo così programmato l’intervento a settembre.
Ovviamente nei mesi precedenti all’intervento ho avuto dei momenti in cui avevo paura di affrontare l’operazione, ma, fortunatamente, la mia advisor mi ha sempre confortata sin dal primo giorno.
La mattina dell’intervento ero agitata e la mia advisor mi ha tenuto compagnia fino a quando mi hanno portata in sala operatoria dove mi aspettava il dott Gherardini con tutto lo staff.

L’ultimo ricordo che ho prima che l’anestesia facesse effetto

è del dottore che mi teneva la mano e mi ripeteva di  stare tranquilla.
Il mio intervento è durato meno del previsto e il decorso post operatorio è stato davvero fantastico.
Non ho mai avuto dolori forti, da non poter tenere sotto controllo con dei farmaci.
La mia ripresa alle attività quotidiane è stata molto rapida, non ho mai avvertito particolari dolori.

Se tornassi indietro lo rifarei sicuramente

perché adesso ho davvero il seno che desideravo e sicuramente non avrò bisogno di alcun ‘stratagemma’ quando andrò al mare.
La CLINIC è stata fantastica sotto ogni punto di vista. In conclusione sento di dire che se una persona ha un problema con il proprio corpo ed ha l’opportunità di risolverlo, non bisogna aspettare! La vita è adesso e con sacrifici e costanza possiamo ottenere ciò che desideriamo. L’importante è affidarsi alle persone giuste come fortunatamente ho fatto io.

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA - D.L.

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA – TESTIMONIANZA DI D.L.

Ciao, sono una ragazza di 26 anni e da un anno ho preso la decisione più importante e decisiva della mia vita. Forse, per tante persone, avere un seno prosperoso è una qualità positiva, per me invece era davvero un grosso problema fisico e psicologico. Fin da quando avevo 11 anni sono iniziati i primi problemi, il mio seno aveva iniziato a crescere ad una velocità non tanto “normale” tanto che già a 11 anni avevo iniziato ad indossare i primi reggiseni. Negli anni cresceva senza mai fermarsi, senza darmi tregua fino ad arrivare ad una sesta abbondante. Sono iniziati così i miei veri problemi:

Ho iniziato a comprare solo maglie larghe che nascondevano il mio “difetto”.

Non volevo più comprare reggiseni, perchè avevo vergogna quando dovevo dire alla commessa la mia taglia. I modelli che mi piacevano non mi andavano mai e andava a finire sempre nello stesso modo, quello disponibile nella mia taglia era talmente brutto, che nemmeno mia nonna se lo sarebbe mai comprato e uscivo dai negozi sempre nervosa e arrabbiata.

Ero a disagio nel mio stesso corpo

cosa non tanto piacevole per una ragazzina. Nel corso del tempo ho pensato tante volte di ridurlo, ma la paura dell’intervento mi paralizzava. Sono una ragazza abbastanza ansiosa e ho trascorso tanti anni della mia vita con questo problema, invece di combattere la mia paura.

Un bel giorno parlando con un’amica di mia cugina, ho capito che io e lei avevamo qualcosa in comune. Anche lei aveva un seno troppo abbondante, con la differenza che lei aveva avuto il coraggio di cambiare quell’aspetto della sua vita. Aveva superato il suo complesso.

E’ stata una rivelazione vera e proprio per me

Quando l’ho vista, dopo l’intervento, è scattato qualcosa in me. Volevo essere anche io felice come lei. Ho iniziato a credere che anche io potevo riuscire ad avere quel po’ di coraggio che bastava, per trasformare il mio sogno in realtà.

E’ così che ho fissato subito un consulto gratuito a LaCLINIC Napoli

perchè era lì che lei era andata per farsi operare. Mi sono recata a LaCLINIC Napoli pensando di rivolgermi allo stesso chirurgo plastico che aveva operato l’amica di mia cugina, ma quando arrivai in sede, vidi il Dottor Roberto Grella. E’ stato così che ho conosciuto il chirurgo plastico che mi ha operato. Ringrazio Dio ogni giorno per avermi fatto incontrare un chirurgo come lui.

Mi ha colpito subito… il suo modo di parlare, la tranquillità che trasmetteva mentre mi spiegava il procedimento dell’operazione…

Mi sono fidata di lui subito

tanto da decidere di non voler vedere più nessun altro chirurgo plastico, perché doveva essere lui ad operarmi.

A LaCLINIC Napoli ho avuto un’accoglienza calorosa da tutti, fin dal primo giorno che mi hanno conosciuto e lo stesso calore lo sento ancora adesso, dopo quasi un anno dall’intervento. Ho trovato serietà, tranquillità, professionalità e disponibilità, tutte cose che mi hanno subito fatto capire che avevo preso la decisione migliore nell’affidarmi alla loro esperienza.

Il giorno dell’intervento, al mattino presto, quando sono entrata nella mia stanza, che poi ci tengo a precisare, sembrava più la camera di un albergo, avevo così tanta paura, da non riuscire a pensare ad altro. Però ho fatto finta di niente perchè c’era mia madre e il mio fidanzato che erano paralizzati dal terrore…..

Quando mi hanno chiamata per entrare nella sala operatoria, non riuscivo più a parlare, tremavo all’idea di essere operata. Il dottor Grella ha capito subito che c’era bisogno di tranquillizzarmi e così ha fatto. Mi parlava e cercava  di mettermi a mio agio, ripetendomi  che dovevo stare tranquilla e che tutto sarebbe andato bene.

Le sue parole mi rassicuravano

e cosi, mentre continuavo a parlare con lui, ricordo solo le sue ultime parole: <<ORA SEDATELA>> e poi mi sono svegliata nel letto della mia stanza.

Piccole cose ricordo di quel momento e quello che ricordo, so che non lo dimenticherò mai.

Sono rientrata nella stanza ancora abbattuta dall’effetto dell’anestesia e con il sorriso sulle labbra, facevo segno con le mani sul seno e dicevo:<<E’ BELLO PICCOLINO VERO?>>.

Che bella sensazione che ho provato

nell’abbassare lo sguardo sul seno fasciato e vedere che il mio corpo era cambiato, come non avevo mai pensato potesse cambiare.

Il post operatorio, nei giorni seguenti è stato regolare, il dolore naturalmente c’era ma io riuscivo a sopportarlo senza lamentarmi perché sapevo che, se un pò di dolore era il prezzo per un sogno, sopportarlo ne valeva la pena. E se tornassi indietro, lo rifarei altre 10 volte.

Ora la mia vita è cambiata, c’è chi potrebbe dire che un seno più piccolo non può cambiare la vita in questo modo, ma io vi dico che invece può, perché da quel giorno i cambiamenti sono stati radicali.

Sembro dimagrita di 5 kili

posso indossare top aderenti e scollati, posso comprare i costumi che voglio senza dover invidiare nessuno, posso arrivare in spiaggia e togliere la maglia senza avere vergogna di farlo, i dolori alla schiena sono migliorati, la mia postura è cambiata, sono più sicura di me e anche se tutte queste cose possono sembrare futili per gli altri,  vi posso  garantire che, le rinunce fatte da quando avevo 11 anni fino ad oggi, non sono state cose insignificanti per me.

Un consiglio che posso dare a tutte le persone che hanno un complesso simile… non abbiate paura perche la felicità che riempirà il vostro cuore ogni volta che oltrepasserete uno specchio o che sarete tra la gente senza dover incrociare le braccia per nascondervi il seno, sarà più grande di quanto possiate immaginare.

Non aspettate troppo tempo come ho fatto io perché, perderete solo gli anni migliori della vostra vita a complessarvi, senza risolvere mai niente.

MASTOPLASTICA ADDITIVA - E.M.

MASTOPLASTICA ADDITIVA – TESTIMONIANZA DI E.M.

Sono una mamma di 35 anni. Ho due figlie. La più grande ha 5 anni. Prima delle gravidanze avevo un corpo molto bello. Praticavo sport, non intenso, ma costante; avevo un’alimentazione corretta, priva di sacrifici, ma sana; conducevo una vita dinamica. Ho sempre avuto un rapporto sereno con me stessa. Ho sempre guardato al mio corpo con soddisfazione e amore.

Le gravidanze si sono susseguite ed entrambi gli allattamenti sono stati prolungati. Lo stile di vita avuto fino ad oggi, ha fatto sì che io sia ritornata nel mio peso forma e che, sebbene i muscoli non siano più tonici come una volta, il mio aspetto sia ancora piacente, senza rilassamenti eccessivi e senza smagliature. Tuttavia, dopo l’ultimo allattamento, durato quasi due anni e mezzo, il mio seno si è asciugato, cambiando velocemente e del tutto la parte di me che consideravo più attraente.

Le mie esperienze di vita e culturali mi hanno spinta a considerare la chirurgia estetica come una cosa superflua, verso la quale non nascondo di aver avuto molti pregiudizi. Insomma, mi dicevo, bisogna accettarsi. Il ricorso a interventi estetici mi era comprensibile solo a scopi ricostruttivi, ad esempio  seguito di incidenti, malattie. Che presuntuosa! E come mi sopravvalutavo!

In realtà quel seno sciupato anzitempo

e in maniera tanto brusca era un pungno nello stomaco. A dispetto delle attenzioni di mio marito, mi sentivo castrata. Non prendo decisioni di fretta per indole. Non amo nemmeno agire sulla scorta della vulnerabilità, rischiando di girare in tondo per mesi. Dunque sono stata assorta per quasi un anno, concentrata sulle mie sensazioni. Perché e quanto era importante per me il mio seno? Mi sono fatta molte domande sul mio essere donna, sul mio ruolo di madre, su cosa dovesse bastare al mio equilibrio. Ho quindi fatto i conti con una vulnerabilità sconosciuta di cui dovevo prendermi cura. Non sono solo una mamma, sono una donna e il mio corpo invecchierà senz’altro. Ma forse può farlo in ogni sua parte… piano piano!

Una volta che ho stabilito cosa fosse importante per me, mi sono documentata. La mia famiglia è piena di medici. Di medici specialisti in varie branche. Quindi le mie letture sono state di carattere scientifico.

Conscia del fatto che una mastoplastica additiva è un intervento chirurgico

che avrebbe impiantato nel mio corpo delle protesi, conscia del fatto che il post operatorio è soggetto anche a variabili che esulano dalla responsabilità del medico e che sono fortuite, sapevo anche che in un’esperienza del genere io non sarei comunque stata una “malata”, ma soltanto una donna disposta a qualche sacrificio per il proprio benessere psichico.

Non ho dato molto credito ai forum femminili, che pure ho visitato con curiosità. Sono spinte a scrivere sui social soprattutto pazienti desiderose di confrontarsi su problemi, imprevisti, situazioni eccezionali. Spesso questi forum sono manomessi dalla concorrenza oppure dalle aziende stesse per farsi pubblicità in maniera occulta. Nel bene o nel male, i forum raccolgono testimonianze che non possono in alcun modo avere valore scientifico. ho infine riconosciuto che solo un medico, la sua parola obbligata dalla legge e dall’etica alla verità, avrebbe potuto chiarire fattori di rischio e margini di buona riuscita.

La mia maggiore preoccupazione era assicurarmi di avere a che fare con un chirurgo estetico specializzato

Ho ritenuto che rivolgermi a una struttura che facesse mediazione tra me e il medico poteva darmi delle maggiori sicurezze e comodità. Senza girovagare tra studi diversi, avrei potuto chiedere più consulti nello stesso posto.

Il dottor Grella è un medico preciso, affabile, corretto. Alla prima consulenza, ma alla luce di un anno di riflessioni, ho subito deciso in favore dell’intervento con lui.

Perché dovevo conoscerne altri, se mi aveva informato correttamente?

Ero arrivata all’incontro sufficientemente informata, quindi riconoscevo nelle parole del medico i dati in mio possesso. Devo dire, però, che mi ha fornito dei ragguagli che poi hanno determinato scelte diverse da quelle che avevo immaginato, relative al tipo di intervento e di protesi.

Il personale de LaCLINIC Napoli, che affianca le pazienti e dà loro supporto, è composto di donne intelligenti, che riescono a inquadrare in profondità le problematiche delle assistite.

Non mi sono trovata di fronte persone “fissate” con l’estetica

bensì professioniste molto attente a rappresentare l’azienda con responsabilità e a relazionarsi con umanità.

Mi sono operata circa dieci giorni fa. Ero felice! Sono entrata in sala operatoria con emozione. Mi sembrava di essere in un telefilm: tutti simpatici, tutti carini. Ho riaperto gli occhi di buon umore, così come li avevo chiusi.

Il dottor Grella, insieme alla sua chiarezza tecnica, dona piccoli, quasi invisibili gesti di grande delicatezza, che mi hanno colpita, ad esempio la carezza sul piede mentre ero in sala operatoria e l’anestesista mi preparava: sembrava volermi dire che era lì, con me. Questa esperienza mi ha insegnato che a volte devo “autorizzarmi” a sentirmi piccola. E sembrava proprio che il mio medico, che così poco sapeva di me, riuscisse a vederlo. Modi sobri, ma sinceramente gentili di esprimere vicinanza alla paziente.

La prima settimana è stata di riposo

ho avuto le difficoltà alle quali ero stata preparata e sto osservando i consigli che mi sono stati dati. So che adesso la mia collaborazione è importante.

Giovedì ho la prossima visita e sono ugualmente felice. Non sono preoccupata. So che occorrono mesi a che il seno conquisti una consistenza naturale. So che devo evitare movimenti complessi e sforzi ancora per un poco. Soprattutto so che qualunque imprevisto dovesse presentarsi ho di fronte un medico specializzato con cui affrontarlo. Sono consapevole di un’altra cosa: ma nella vita… non ci sono cose più gravi? E oggi non mi sento forse più bella? Non ho forse fatto, per la prima volta, qualcosa solo per me?

SCOPRI I RISULTATI DEGLI INTERVENTI DI CHIRURGIA PLASTICA LaCLINIC.

PRENOTA SUBITO UN CONSULTO GRATUITO

risolvi

il tuo inestetismo

trova il tuo centro

LACLINIC

prenota una

visita gratuita

Ottieni il tuo consulto Gratis

acconsento al trattamento dei dati secondo la privacy policy