Hai bisogno di aiuto?
800 195 381
Google+
LinkedIn
YouTube
Instagram

Ottieni il tuo consulto Gratis

acconsento al trattamento dei dati secondo la privacy policy

Ottieni il tuo consulto Gratis

acconsento al trattamento dei dati secondo la privacy policy

La rinoplastica uomo è un intervento consigliato non solo per la donna, anche per l’uomo è in forte aumento. Spesso l’intervento viene richiesto in abbinata ad altri interventi di chirurgia plastica del corpo o del viso.

Rinoplastica uomo: quando operarsi

L’intervento, per fini estetici, può essere realizzato dopo i 15/16 anni di età, al termine dello sviluppo osseo. L’esperienza dei chirurghi plastici LaCLINIC® ti consiglia la rinoplastica, in caso di:

  • naso sproporzionato rispetto al viso.
  • naso troppo grosso/largo, se visto di fronte.
  • naso storto o ricurvo.
  • naso asimmetrico, per precedenti fratture.
  • punta del naso grossa, larga o carnosa.
  • punta del naso cadente o prominente.
  • punta del naso schiacciata o camusa.
  • narici troppo larghe.
  • naso con gibbi o gobbe (sia cartilaginee, che ossee) sul naso (naso gibboso).
  • setto nasale deviato.
  • columella deviata o procedente.
  • columella retratta e labbro superiore corto.
  • difficoltà respiratorie.
  • insoddisfazione per risultati di precedenti interventi di rinoplastica.

La rinoplastica uomo, per fini estetici, può essere realizzato dopo i 15/16 anni di età, al termine dello sviluppo osseo.

Anche l’uomo, come la donna, può sentire l’esigenza di avere un naso diverso. Magari più grande, che gli doni personalità, oppure di ridurre asimmetrie troppo evidenti. Altre volte invece, l’esigenza di una rinoplastica uomo nasce per risolvere disfunzioni respiratorie.

Oggi Finanziamento a Rate per la Chirurgia Estetica del Tuo Naso! Scopri tutti i dettagli

PRENOTA ORA IL TUO CONSULTO GRATUITO 

Rinoplastica uomo come funziona

La scelta tra rinoplastica tradizionale chiusa e rinoplastica aperta dipende. Sia dalle preferenze del chirurgo plastico, che dal tipo di correzione che si desidera effettuare.

Il rimodellamento del profilo avviene “su misura”, dopo un attento studio dei parametri e dell’armonia facciale. Il miglioramento si ottiene mediante la riduzione ed il rimodellamento dello scheletro cartilagineo ed osseo. Intervenendo dall’interno delle narici, senza lasciare cicatrici visibili. Nella tecnica aperta si ricorre a piccole e praticamente invisibili cicatrici esterne solo nel caso di rimodellamento delle narici o se si effettua la tecnica aperta. Sebbene più complessa tecnicamente, consente un livello di precisione molto più alto.Poiché, di fatto, le strutture nasali possono essere modificate sotto controllo visivo.

PRENOTA ORA IL TUO CONSULTO GRATUITO 

Rinoplastica uomo tecniche chirurgiche

La scelta tra rinoplastica tradizionale chiusa e aperta dipende sia dalle preferenze del chirurgo plastico, che dal tipo di correzione che si desidera effettuare.
Il rimodellamento del profilo avviene “su misura”, dopo un attento studio dei parametri e dell’armonia facciale. Il miglioramento si ottiene mediante la riduzione ed il rimodellamento dello scheletro cartilagineo ed osseo.Iintervenendo dall’interno delle narici, senza lasciare cicatrici visibili. Nella rinoplastica, si ricorre a piccole e praticamente invisibili cicatrici esterne solo nel caso di rimodellamento delle narici o se si effettua una rinoplastica aperta. Sebbene più complessa tecnicamente, consente un livello di precisione molto più alto. Poiché, di fatto, le strutture nasali possono essere modificate sotto controllo visivo.

Dove si praticano le incisioni

Nella maggior parte dei casi, le incisioni della rinoplastica vengono effettuate all’interno del naso, e quindi sono invisibili dall’esterno. In alcuni casi, può essere necessaria una piccola incisione nella striscia di pelle, che separa le narici detta columella. La cicatrice risulterà quasi invisibile dopo poco tempo. Questa tecnica (Open Rhinoplasty) è la metodica più aggiornata di intervento al naso;. In taluni soggetti, determina però un maggior gonfiore, seppur limitato ai primi 2/3 giorni, del naso. Viene quindi utilizzata soprattutto per casistiche di punta larga, naso “a patata”, asimmetrie della punta, rinoplastiche secondarie.

Naso gibboso

La presenza dell’inestetica “gobba” (che può essere cartilaginea, o osseo/cartilaginea) è la responsabile del profilo aquilino. Per rimodellare armoniosamente il naso, si incide tra la cartilagine alare e la cartilagine triangolare, si pratica lo scollamento del dorso e si asporta l’eccesso di cartilagine e gli eventuali spigoli ossei.

Difetti della punta

Se la punta del naso è larga o prominente, si asporta o recide una porzione di cartilagine alare. Le tecniche più aggiornate prevedono l’uso della tecnica aperta e la stabilizzazione delle cartilagini con piccoli punti riassorbibili. Questi metodi sono particolarmente efficaci nel trattamento delle punte larghe e bulbose. In alcuni casi, è possibile intervenire sulla punta, senza modificare il resto del naso. Se carnosa, si asporta il grasso in eccesso.

Narici larghe

L’ipertrofia viene corretta asportando un cuneo cartilagineo-cutaneo alla base della cartilagine alare.

Columella procidente o deviata

Se l’angolo che rifinisce il naso è procedente, si asporta un segmento del setto membranoso; se deviato, si restringe la cavità narinale attraverso una Z-plastica eseguita alla base della columella.

Ipertrofia dei turbinati – difficolta’ respiratorie (turbinectomia)

Nella maggior parte dei casi, le difficoltà respiratorie sono determinate dalla deviazione del setto nasale e dall’ipertrofia dei turbinati. Molte deviazioni del setto nasale sono da attribuirsi a traumi. Sebbene la maggior parte abbia origine congenita o faccia seguito a microtraumi, spesso misconosciuti, avvenuti in età infantile. I turbinati sono piccole propaggini all’interno del naso che umidificano e surriscaldano l’aria prima di inviarla alle prime vie aeree e da qui ai polmoni. Possono ingrandirsi ed occupare gran parte dello spazio ostacolando il flusso dell’aria.

Disturbi funzionali

E spesso l’ipertrofia dei turbinati è compensatoria, si sviluppa dal lato opposto alla deviazione del setto. Entrando poca aria da una parte, ne entra tantissima dall’altra e, col tempo, il turbinato si ingrossa perchè sottoposto ad un carico di lavoro eccessivo. Raramente si incontrano difficoltà respiratorie non determinate da anomalie del setto, ma da fattori allergici o vasomotori, o in cui i turbinati si gonfiano occasionalmente e poi tornano alla normalità. In tal caso non è indicato l’intervento chirurgico. Se l’ostruzione respiratoria è invece determinata da polipi nasali, allora si impone una diagnosi accurata mediante tac.

Deviazione del setto

Se ci sono dei problemi respiratori causati da deviazioni del setto nasale, si procede alla settoplastica. La Settoplastica consiste nel riposizionamento del setto cartilagineo ed osseo, e, se necessario, nella parziale escissione delle parti deviate.

Oggi Finanziamento a Rate per la Chirurgia Estetica del Tuo Naso! Scopri tutti i dettagli

PRENOTA ORA IL TUO CONSULTO GRATUITO 

Rinoplastica uomo con chirurgo plastico LaCLINIC

I chirurghi plastici LaCLINIC® ricevono quotidianamente richieste di rinoplastiche primarie e secondarie. Cioè interventi su nasi già operati da altri chirurghi estetici. Per queste ragioni, LaCLINIC®-Medicina e Chirurgia Estetica ha deciso di limitare ogni rischio di insoddisfazione, separando l’area della rinoplastica dalle altre specialità. Ti affidiamo solo ad una ristretta equipe di chirurghi plastici che ti garantiscano un’elevata affidabilità. E sono in grado di effettuare, con sicurezza, interventi di rinoplastica di tutte le complessità, sia semplici correzioni/rimodellamenti della punta, che rinoplastiche di nasi “vergini” o rinoplastiche secondarie.
Anche il percorso di medicazione è personalizzato. Questo approccio ha portato nell’ultimo anno grandi soddisfazioni e ora le rinoplastiche sono l’11% degli interventi totali richiesti all’organizzazione.

Per accedere alle strutture osteocartilaginee si può ricorrere a sole incisioni interne alle narici (tecnica chiusa). Oppure ad un accesso alla columella (tecnica aperta), che porta ad un modestissimo esito cicatriziale, ma che permette un maggiore controllo delle strutture da modellare.

Tecniche rinoplastica uomo

Aperta

La rinoplastica aperta si esegue come una variante della rinoplastica chiusa. Si incide la cute della columella alla base del naso, ed esponendo tanto le cartilagini della punta quanto il dorso del naso. Nel caso sia necessario eseguire una settoplastica l’accesso al setto viene eseguito per “via dorsale”, anzichè attraverso l’incisione al bordo inferiore. La completa esposizione delle cartilagini della punta ne consente la visualizzazione senza distorsioni (problema presente in tutte le tecniche “chiuse”) ed il rimodellamento con grande precisione.

Rimodellamento naso non distruttivo

L’esposizione delle cartilagini è l’unica tecnica di rinoplastica che consenta il loro rimodellamento non distruttivo. E cioè la modifica della punta del naso in assenza di resezione di parti delle cartilagini stesse. Il che, almeno in teoria, dovrebbe rendere reversibili le modifiche eseguite. Ciò permette sicuramente al chirurgo, durante l’intervento, di provare più di una modifica ed essere certo di ottenere il risultato desiderato). La settoplastica viene eseguita in maniera più agevole con la tecnica aperta, ed anche il sanguinamento è ridotto. Si tratta, inoltre, della tecnica specificamente indicata per le rinoplastiche “minime”. Si cerca di eliminare i singoli difetti senza alterare l’aspetto generale del naso e del viso.

Chiusa

Attraverso piccole incisioni effettuate all’interno del naso, è possibile rimodellare la componente ossea e cartilaginea dello scheletro nasale. Le tecniche di chirurgia plastica che si impiegano variano da paziente a paziente, in base al risultato che si desidera ottenere. Con ogni probabilità, tuttavia, verranno effettuate delle fratture alla base delle ossa nasali per rendere il naso più stretto, il dorso verrà leggermente abbassato ed il setto nasale accorciato. E’ anche possibile che alcune parti del naso debbano essere aumentate di dimensioni, ed in questo caso sarà necessario utilizzare della cartilagine che viene prelevata possibilmente dal setto nasale. La punta del naso, il cui scheletro è esclusivamente cartilagineo, viene modificata tramite il rimodellamento delle relative cartilagini. Al termine, la pelle si riassesta spontaneamente sul nuovo scheletro, determinando l’aspetto finale dell’intervento.

Non distruttiva

Con il termine di non distruttiva si definisce il rimodellamento della punta nasale effettuato principalmente per mezzo di suture. Con l’esclusione dei sistemi tradizionali che prevedono manovre come la resezione di parte delle cartilagini, la loro interruzione oppure l’indebolimento di alcuni segmenti. La tecnica non distruttiva trova particolare indicazione nelle correzioni più delicate della forma della punta nasale. O quando questa sia l’unica parte del naso su cui si desideri intervenire.
La rinoplastica non chirurgica, effettuata con filler e botulino, è utile in alcuni casi, ma non produce gli stessi effetti, né sostituisce, la rinoplastica chirurgica.

PRENOTA ORA IL TUO CONSULTO GRATUITO 

Durata intervento

L’intervento dura da un minimo di 40 minuti sino a 2 ½ ore, in day hospital; in alcuni casi, il chirurgo plastico richiede 1 notte di degenza.

Post operatorio

L’intervento non comporta più oggi un post operatorio lungo e traumatico. La moderna rinoplastica è, senza alcun dubbio, meno invasiva, tanto da realizzarsi in assenza di sanguinamento e da consentire un veloce ritorno alla vita sociale. Gli edemi e le ecchimosi saranno appena visibili e si riassorbiranno nell’arco di un paio di settimane. Il percorso di medicazione della rinoplastica è personalizzato per ogni singolo paziente.

Al termine dell’intervento di rinoplastica viene collocato un archetto gessato. E verrà mantenuto per qualche giorno e, talvolta, i tamponi nasali, che nella maggior parte dei casi verranno rimossi a distanza di qualche ora. Sebbene in rari casi debbano permanere in sede per qualche giorno per consentire di respirare agevolmente.

Convalescenza

È possibile tornare alle attività lavorative dopo 2-7 giorni. Gonfiore ed ematomi possono permanere per 7-10 giorni.
E’ prudente non esporsi al rischio di traumi (come quelli possibili in sport come la pallavolo o il calcio) per almeno 1 mese. Il rimodellamento delle ossa è in realtà più lungo (il risultato dell’intervento può dirsi definitivo dopo 6-8 mesi), ma dopo 1 mese i tessuti sono sufficientemente stabili. Un minimo di attenzione è comunque necessaria perché la durata dei processi biologici è soggettiva e quindi diversa da soggetto a soggetto.

La corretta programmazione di una scelta così importante, come il tuo intervento di chirurgia estetica, consente di contenere al massimo i rischi di complicanze. Peraltro rare (1-2 casi su 100), sempre prontamente riprotette con i percorsi di risk management, affrontati congiuntamente da chirurgo plastico ed anestesista.

PRENOTA ORA IL TUO CONSULTO GRATUITO 

Rinoplastica uomo costi

La rinoplastica uomo, come per la donna, è uno degli interventi più discussi. In quanto spesso le aspettative del paziente difficilmente combaciano che le possibilità di correzione consentite dalla struttura del naso, nel rispetto delle corrette funzioni respiratorie e delle migliori proporzioni del viso. I chirurghi plastici LaCLINIC® ricevono quotidianamente anche richieste di rinoplastiche secondarie. Cioè interventi su nasi già operati da altri chirurghi estetici. Per queste ragioni, LaCLINIC®-Medicina e Chirurgia Estetica ha deciso di limitare ogni rischio di insoddisfazione, separando l’area della rinoplastica dalle altre specialità.

Ti affidiamo solo ad una ristretta equipe di chirurghi plastici che ti garantisca un’elevata affidabilità. E che sia in grado di effettuare, con sicurezza, interventi di rinoplastica di tutte le complessità. Sia semplici correzioni/rimodellamenti della punta, che rinoplastiche di nasi “vergini” o rinoplastiche secondarie.
Anche il percorso di medicazione è personalizzato.

Oggi Finanziamento a Rate per la Chirurgia Estetica del Tuo Naso! Scopri tutti i dettagli

Se vuoi maggiori informazioni su quanto costa la Chirurgia Plastica del Naso, visita la pagina dedicata ai prezzi

Sconto 2 interventi

Spesso l’intervento di rinoplastica viene richiesto in abbinamento con altri interventi di chirurgia plastica del corpo. In caso di prenotazione di un secondo intervento di chirurgia estetica, questo ti può costare dal 30% al 50% in meno.

I chirurghi plastici LaCLINIC® operano solo il 45% dei richiedenti, perché, da medici, mettono la sicurezza e la salute, prima del desiderio estetico. La tua richiesta di rinoplastica, qualora non ce ne fossero le indicazioni e le idonee condizioni di sicurezza, può quindi venire rifiutata.

PRENOTA ORA IL TUO CONSULTO GRATUITO 

Guarda i risultati: foto prima e dopo

claim RINOPLASTICA UOMO

 
Summary
rinoplastica-uomo-mobile RINOPLASTICA UOMO
Service Type
Rinoplastica uomo | Chirurgia Estetica
Area
Torino, Alba, Bergamo, Treviglio, Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari
Description
Rinoplastica uomo | intervento di chirurgia estetica per rimodellare il naso maschile | Foto rinoplastica uomo prima e dopo | Prezzi | intervento e post operatorio

risolvi

il tuo inestetismo

trova il tuo centro

LACLINIC

prenota una

visita gratuita

Ottieni il tuo consulto Gratis

acconsento al trattamento dei dati secondo la privacy policy