Mastoplastica additiva dopo gravidanza

Mastoplastica additiva dopo gravidanza

 

Mastoplastica additiva dopo gravidanza 

Mastoplastica additiva dopo gravidanza

La gravidanza e l’allattamento possono causare danni estetici al seno, e un disagio psicologico nelle donne che vorrebbero recuperare la propria femminilità e riavere un sedo sodo e pieno dopo il parto. Come funziona la mastoplastica additiva dopo la gravidanza e quanto tempo dopo l’allattamento si deve aspettare per rifarsi il seno?

Spesso l’aumento di peso legato alla gravidanza  e il successivo dimagrimento repentino possono causare problemi estetici al seno, come le smagliature, ma anche cedimenti e seno cadente. Dopo l’allattamento il seno può apparire svuotato, cadente e meno tonico e sodo.

Per rimediare esistono due interventi di chirurgia estetica seno che possono ridare alla neomamma il seno di prima e in molti casi più giovane e tonico.

Chirurgia seno dopo l’allattamento 

Due sono le procedure chirurgiche maggiormente soddisfacenti: la mastopessi e la mastoplastica additiva. Vediamo di cosa si tratta.

  • Mastopessi: ideale in caso di seno cadente e se la donna non desidera un aumento delle mammelle. Il seno viene sollevato
  • Mastoplastica additiva: è un intervento che mira ad aumentare il volume del seno grazie all’inserimento di potesi al silicone.

In molti casi è possibile, e utile ai fini del risultato finale, abbinare le due tecniche e quindi procedere ad un lifting del seno con mastopessi e ad un suo aumento inserendo delle protesi che donano una o due taglie in più.

Leggi anche: Lipofilling al seno 

Chirurgia seno, quanto tempo dopo il parto 

Innanzitutto è consigliabile fare un intervento al seno quando non si desidera avere più figli: una nuova gravidanza e un nuovo periodo di allattamento potrebbero compromettere il risultato dell’intervento. I chirurghi plastici consigliano, in ogni caso, di non sottoporsi all’intervento prima di 5-6 mesi dopo il parto o la conclusione dell’allattamento perché in questo modo si saranno stabilizzati sia gli equilibri ormonali che lo stato dei tessuti.

Quali sono i tempi di recupero? 

Indubbiamente la domanda è importante per le neomamme alle prese con la vita di tutti i giorni e il loro bebè. L’intervento generalmente si fa in regime di day hospital, anche se in alcuni casi può essere consigliata una notte di degenza, e dopo si dovrà indossare un reggiseno compressivo per circa un mese e stare a riposo il giorno dopo l’intervento. Si potrà comunque ritornare sin da subito alla vita normale, anche se è bene evitare di stancarsi troppo o caricare pesi. Per un paio di settimane potranno esserci ematomi e lievi gonfiori, con lieve dolore al seno.