L’intervento di rinoplastica per sentirsi finalmente sé stessi.

na
E’ saggio piacersi per come si è ed accettare anche i piccoli difetti che fanno parte di noi. A volte però ci sono delle caratteristiche che proprio non ci rendono giustizia e che non rispecchiano ciò che vorremmo essere e come ci sentiamo dentro.
In questa categoria di “difetti” rientrano, secondo le statistiche, la gobbetta  al naso, ma anche un naso molto grande rispetto al resto del viso o un naso esteso in larghezza, comunemente detto “a patata”.
na
Il naso essendo situato al centro del volto è determinante a conformare la fisionomia di una persona. Perché allora non ricorrere alla chirurgia estetica e sottoporsi ad un intervento di rinoplastica?
La rinoplastica è un intervento  che apporta risultati definitivi, in grado di migliorare la tua vita e la tua autostima.
Negli ultimi 10 anni questo intervento ha registrato notevoli miglioramenti, passando da una chirurgia “traumatica” con edemi o ecchimosi post intervento a un intervento più delicato e meno invasivo da poter praticare, a seconda dei casi, quando cioè non vi è deviazione del setto nasale, in anestesia locale con pochi  strascichi post operatori e ottimi risultati estetici. 
Oggi, il concetto di rinoplastica, dunque, è totalmente cambiato:  dalle sale operatorie non si vedono uscire più profili artificiali, ma nasi naturali dove il chirurgo si è limitato a rimuovere il difetto adattando e riposizionando le strutture osteo-cartilaginee della piramide nasale secondo parametri ben definiti. 
Se stai continuando a leggere questo articolo, probabilmente è da un bel po’ di tempo che accarezzi l’idea di sottoporti ad una rinoplastica. Devi allora sapere che:
L’intervento può essere eseguito a partire dai 14-16 anni in poi.
Nelle pazienti di  sesso femminile si può eseguire dopo 1 anno dal menarca, mentre nei pazienti di sesso maschile è consigliabile aspettare il raggiungimento dell’ 80 % della previsione di crescita dato fornito generalmente dal pediatra).
Vi sarà un dolore lieve dopo l’operazione, definito da molti pazienti più che sopportabile. L’intervento non lascia cicatrici residue, essendo posto in essere all’interno delle cavità nasali. Dopo l’intervento compare un modesto edema del volto (“gonfiore”), che dura in media tre-quattro giorni e lievi echimosi di colore violaceo sotto gli occhi, che durano in media sette-otto giorni. La rinoplastica può essere eseguita in anestesia locale con sedazione o in anestesia generale.
Grazie alle nuove tecniche e ai progressi raggiunti, il tamponamento nasale applicato dopo l’intervento sarà necessario  per una sola notte, mentre si dovrà proteggere la zona operata con appositi medicamenti  per una settimana circa, al termine della quale il paziente potrà riprendere le normali attività.
L’intervento presenta un bassissimo livello di rischi, venendo eseguiti, prima dello stesso, tutti gli accertamenti pre-operatori per il rischio anestesiologico: esami del sangue, esami delle urine, elettrocardiogramma, eventuale radiografia del torace ecc.
L’intervento comporta in media un ricovero di un giorno, ma frequentemente si può essere dimmessi in giornata.
Il 98% dei pazienti che si sono sottoposti a questo intervento si dichiarano molto felici e soddisfatti, finalmente se stessi e a proprio agio con il loro aspetto.