Intervento di ginecomastia, tempi di recupero e convalescenza

Intervento di ginecomastia, tempi di recupero

Quali sono i tempi di recupero dell’intervento di ginecomastia e come si svolge la convalescenza e il post intervento? Quello per la ginecomastia è uno degli interventi di Chirurgia Plastica Uomo Corpo più richiesti: serve ad eliminare l’eccessivo volume delle mammelle maschili o a risolvere un loro rilassamento e asimmetria. Con questo intervento si riesce a restituire ai pettorali e alle mammelle un aspetto più virile e mascolino con importanti benefici psicologici per il paziente.

L’intervento dura in media un’ora, ma la durata può variare anche in base al tipo di correzione da apportare e ad altre variabili. Se, infatti, si deve solo procedere con una lipoaspirazione di grasso accumulato l’intervento sarà più breve, mentre sarà più lungo se si deve procedere con l’asportazione della ghiandola mammaria ipertrofica che è responsabile dell’ingrossamento.

Post operatorio ginecomastia

Cosa aspettarsi dal decorso post operatorio? Immediatamente dopo l’intervento verrà collocata una medicazione compressiva ed elastica sulla zona trattata che serve a tenere sotto controllo edema e gonfiore. Nei primi due giorni sono normali fastidio e un lieve dolore che può essere lenito assumendo normali analgesici prescritti dal chirurgo.

I tempi di recupero sono piuttosto brevi:

  • bisogna considerare circa 48 ore di riposo
  • le normali attività lavorative e sociali potranno essere riprese dopo circa una settimana
  • i punti che vengono collocati si riassorbiranno da soli
  • dopo qualche giorno la medicazione compressiva verrà tolta e verrà sistemata una benda elastica che andrà tenuta per circa quindici-venti giorni.

Ginecomastia post operatorio, gonfiore

Edema e gonfiore dopo l’intervento sono del tutto normali: per questa ragione il chirurgo consiglia l’utilizzo di una benda compressiva elastica per parecchie settimane. In ogni caso il gonfiore può perdurare anche per alcuni mesi, In certi casi può essere utile praticare un leggero massaggio per favorire il riassorbimento dell’edema e la scomparsa del gonfiore.

Ginecomastia risultati definitivi

Il risultato dell’intervento di ginecomastia è definitivo e duraturo nel tempo. In qualche caso il chirurgo può consigliare di eseguire una riduzione della ghiandola mammaria per ottenere un torace più piatto e per evitare che siano visibili delle protrusioni delle areole.

Cosa fare dopo intervento ginecomastia

Nei giorni dopo l’intervento è consigliabile:

  • evitare di fare movimenti bruschi e attività faticose per due-tre settimane;
  • indossare abiti comodi ed elastici;
  • non esporsi ai raggi del sole, a lampade UV, saune e bagni turchi che possono compromettere il processo di cicatrizzazione;
  • indossare con regolarità ed accuratezza le bende elastiche fornite dal chirurgo per tutto il tempo indicato;
  • seguire con attenzione le indicazioni fornite dai chirurghi al momento delle dimissioni per garantirsi un buon post operatorio e non compromettere il risultato dell’intervento.

Cicatrici dell’intervento di ginecomastia

Le cicatrici post intervento certamente dipendono dal tipo di procedura che è stata eseguita: in caso di una semplice aspirazione di grasso (una liposuzione) le sole cicatrici saranno quelle dell’inserimento delle microcannule quindi avranno una dimensione di pochi millimetri e con il tempo diventeranno quasi invisibili. Laddove si sia dovuta rimuovere la ghiandola mammaria, invece, la cicatrice sarà probabilmente collocata in posizione periareolare inferiore o superiore, laterale o mediale, e se dovrà essere asportata anche della cute in eccesso ci sarà anche una cicatrice che interesserà probabilmente tutta la zona dell’areola.

In ogni caso si tratterà di una cicatrice che interesserà la zona di pelle dell’areola che cambia colore rispetto al resto della pelle, quindi con il tempo si uniformerà diventerà poco evidente.

Costi della ginecomastia

I costi possono variare tra 3000 a 7000 euro a seconda del tipo di intervento che si deve realizzare, cioè se una pseudo ginecomastia (causata dall’accumulo di tessuto adiposo) o una ginecomastia vera (causata da un anomalo sviluppo della ghiandola mammaria).

In questa gallery le foto prima e dopo l’intervento di ginecomastia.

Bibliografia e Fonti