LaCLINIC
LaCLINIC® ha centri nelle principali città d’Italia. In ogni sede vengono effettuate visite gratuite e vengono programmati tutti gli interventi di chirurgia plastica, che avvengono in cliniche di eccellenza.

Come sapere se hai la ginecomastia: quali sono i segnali

Come sapere se hai la ginecomastia

Come sapere se hai la ginecomastia: quali sono i segnali

Come sapere se hai la ginecomastia

La ginecomastia è un problema che a un certo punto della vita affligge parecchi uomini. Ma come sapere se hai la ginecomastia oppure no? Ecco alcuni segnali da tenere d’occhio.

Esame dei pettorali

Inizia con un autoesame del petto. Tocca delicatamente l’area intorno al capezzolo. La ginecomastia appare spesso come una protuberanza compatta e gommosa sotto il capezzolo. Pizzica il tessuto sotto il capezzolo: il tessuto ghiandolare apparirà solido, mentre l’eccesso di grasso sarà morbido.

Sensibilità dei capezzoli

Gli uomini con ginecomastia possono provare dolore o disagio ai capezzoli, soprattutto se il problema è causato dall’eccesso di tessuto ghiandolare anziché grasso.

Prominenza del capezzolo

I capezzoli gonfi e sporgenti possono essere un altro segno di ginecomastia.

Variazioni ormonali

Oltre ai cambiamenti fisici, la ginecomastia può essere accompagnata da variazioni ormonali. Presta attenzione a sintomi come affaticamento, sbalzi d’umore o perdita di interesse per attività che normalmente ti piacciono.

5 cose da sapere sulla ginecomastia

Il fattore età

Un certo ingrossamento del seno è comune nei ragazzi durante la pubertà ed è parte normale della crescita. I ragazzi in sovrappeso hanno maggiori probabilità di sviluppare ginecomastia, poiché le cellule che immagazzinano il grasso possono produrre estrogeni che favoriscono lo sviluppo del seno. E proprio nei ragazzi in sovrappeso questa condizione potrebbe non essere facilmente individuabile, perché può essere difficile distinguere tra tessuto adiposo e ghiandola mammaria.

Anche l’invecchiamento è un fattore di rischio: la produzione maschile di testosterone diminuisce dell’1-2% ogni anno dopo i 30 anni, quindi c’è meno testosterone disponibile per bilanciare gli estrogeni in circolo. Il calo del testosterone contribuisce anche all’aumento di peso e il grasso aggiunto stimola il corpo a produrre più estrogeni.

L’impatto emotivo

La ginecomastia può avere un profondo effetto sul benessere emotivo e mentale. Molti uomini si sentono imbarazzati o insicuri e ciò può portare a depressione o ansia, ma anche ad isolamento sociale perché alcuni uomini evitano situazioni sociali per paura del giudizio degli altri. Se hai dei dubbi, consulta un chirurgo plastico per una diagnosi accurata: potresti scoprire che con un intervento di chirurgia estetica risolverai finalmente questo inestetismo che ti angoscia da anni.

Riferimenti bibliografici

Gynecomastia

Credit foto: Adobe free stock