Chirurgia estetica si o no? Tutto quello che devi sapere se vuoi migliorare per sempre il tuo aspetto.

12

 

La chirurgia plastica è un ramo della chirurgia che mira a correggere alcuni difetti estetici.

Fra i più comuni inestetismi che spingono le persone a rivolgersi a un chirurgo si registrano nasi aquilini, orecchie a sventola, seni piccoli, rughe e cicatrici.

12

 

Attualmente,  questa branca della medicina si è arricchita di nuove tecniche. Tramite l’utilizzo di materie e tecnologie di ultima generazione, la chirurgia, oggi, è in grado di raggiungere risultati stupefacenti e inimmaginabili fino a qualche anno fa.

Potendo agire sia su strutture ossee che sui tessuti e pur interessando un’area circoscritta, la chirurgia plastica è in grado di operare delle vere e proprie trasformazioni. Una volta eliminato l’inestetismo, infatti, la parte operata risulterà in armonia con il resto del corpo.

Il vantaggio – secondo quanto confermato dai medici – non sarà solo estetico ma si ripercuoterà benevolmente sulla psiche del soggetto. Molti pazienti , dopo l’intervento, hanno cambiato carattere risultando più sereni e sicuri di se.

Se da anni accarezziamo l’idea di rivolgerci a un chirurgo e migliorare definitivamente il nostro aspetto è bene sapere alcune cose.

Prima di tutto, si tratta di un vero e proprio intervento chirurgico. Bisogna pertanto rivolgersi a un personale medico specializzato nel settore che gode di buona fama.

Non bisogna cercare di risparmiare. Possiamo risparmiare su tutto ma non sulla nostra salute. I costi della chirurgia estetica, spesso, sono indice di qualità delle prestazioni  e delle strutture in cui verrà eseguito l’intervento.

Bisogna essere preparati al decorso post-operatorio che può rendere necessario un periodo di riposo più o meno lungo lontano dal lavoro e dalle attività sportive abitualmente praticate.

E’ assolutamente sconsigliabile fumare prima di un intervento. Il fumo di sigaretta è un potente vasocostrittore che potrebbe seriamente compromettere la cicatrizzazione e,  quindi, la riuscita stessa dell’intervento.