A cosa serve la luce pulsata

A cosa serve la luce pulsata

A cosa serve la luce pulsata

Sentiamo spesso parlare di luce pulsata e di come possa essere efficace per trattare un’ampia varietà di inestetismi e di problematiche. Vediamo di cosa si tratta e a cosa serve la luce pulsata.

Come funziona la luce pulsata

La luce pulsata altro non è che un raggio di energia luminosa che viene indirizzata su corpo e viso con l’intento di risolvere inestetismi di varia natura. Il fascio di luce passa attraverso la cute senza danneggiarla e viene indirizzato su una precisa area di interesse ad una profondità prestabilita.

Luce pulsata viso

Questo tipo di procedura può trovare campo di applicazione per trattare inestetismi sulla pelle come:

  • Macchie: la luce pulsata (IPL  Intense Pulsed Light) al viso è efficace per trattare macchie sulla pelle  ed iperpigmentazione causata dalla scorretta esposizione ai raggi del sole, ma anche per trattare la rosacea o l’acne. Le sedute durano circa 30 minuti e gli impulsi luminosi penetrano nella pelle andando ad agire in profondità.
  • Rughe: la luce pulsata può essere efficace anche per il trattamento delle rughe e di sottili linee che si sono evidenziate sul viso.

Depilazione con la luce pulsata

La luce pulsata è efficace anche per eliminare i peli superflui in modo duraturo e si ostacola la crescita e la ricomparsa dei peli su medio e lungo periodo. L’intervento avviene grazie al processo cosiddetto di fototermolisi, che consiste nel riscaldamento selettivo del follicolo, determinato dalla applicazione di energia luminosa. Grazie alla sua tecnologia all’avanguardia interviene nella eliminazione della melanina nei peli. Attraverso un’azione meccanica e termica, viene interessato ogni follicolo pilifero, inibendo la ricrescita del pelo, mentre derma ed epidermide non subiscono danni.

Luce pulsata e capillari

La luce pulsata medicale è un avanzato e potente sistema non ablativo efficace anche nel trattamento di capillari fragili e angiomi. Produce grande calore senza bruciare o danneggiare la cute, penetrando direttamente sullo strato sottocutaneo. Si basa sull’impiego di una luce capace di attivare le cellule del derma e innescare diversi processi biochimici, come ad esempio la produzione di nuovo collagene e la contrazione di fibre elastiche.

Luce pulsata e dolore

Quando gli impulsi di luce raggiungono la pelle si può avvertire un po’ di bruciore (una sensazione simile allo schiocco di un piccolo elastico contro la pelle), pertanto va applicata una crema anestetica sull’area da trattare 30-60 minuti prima della procedura.

Resta inteso che, siccome la variazione dell’intensità della luce pulsata, nonché la durata del trattamento, sono elementi chiave per la buona riuscita del trattamento è indispensabile affidarsi a personale medico esperto che utilizza macchinari di ultima generazione.

Bibliografia e fonti